13mag/17

Gran Sasso, il bilancio di un anno lunghissimo ma ancora una volta positivo

Scritto da Ufficio Stampa In

49 punti in venti partite, senza poter mai abbassare la tensione, in una delle stagioni più lunghe ed intense da quando la Gran Sasso rugby è in serie A, questo il bilancio di un anno difficile, nei gironi forse più equilibrati del campionato cadetto, basti pensare alla rugby Capitolina, retrocessa in serie B dopo aver conquistato ben 47 punti tra fase territoriale e nazionale.

A tracciare un resoconto del campionato è il direttore generale dei grigiorossi Pierfrancesco Anibaldi, che dal quartier generale a Vila Sant’Angelo sintetizza così l’anno sportivo appena trascorso: “È stata una stagione non troppo fortunata per i tanti infortuni patiti nella prima parte del campionato e per gli impegni extra rugbistici che hanno impedito ad alcuni giocatori di dare alla squadra l’apporto che avrebbero voluto. Per noi – continua Anibaldi – questa era un’importante stagione di transizione, dopo tre anni di play off abbiamo provato anche l’esperienza del girone retrocessione e alla fine siamo comunque soddisfatti del risultato e del fatto che tutti quanti coloro che sono stati chiamati in causa hanno dato il migliore apporto che potevano, fino alla fine. Guardando al futuro, la società è al momento impegnata a definire il budget a disposizione per la prossima stagione, per poter poi contattare giocatori e collaboratori con proposte certe, come siamo soliti fare ogni anno”.È contento anche Francesco Iannucci, che ha guidato lo staff tecnico coadiuvato da Stefano Ciancarella, Edoardo Vaggi e dal preparatore atletico Stefano Pietropaoli: “Ringrazio la società per l’opportunità che mi ha dato – esordisce – è un club che investe nella formazione dei tecnici e crede nelle persone, questa è una dote che può fare la differenza su un progetto a lungo termine. Stiamo facendo un bilancio con tutto lo staff, ma sono soddisfatto di come abbiamo stimolato l’apprendimento dei giocatori in rapporto al progetto tecnico e abbiamo ricevuto in cambio una solidità mentale e attitudinale senza pari nell’ultima parte della stagione”. Iannucci ha lavorato anche come trait d’union tecnico tra la Gran Sasso ed il Sambuceto Rugby, società gemellata con la quale si sta sviluppando dal 2009 un progetto comune e per la quale è il presidente Antonio Angelone a parlare del lavoro svolto: “Abbiamo cercato di fare il meglio con tantissimo impegno, per far sì che tutti ragazzi in rosa avessero la possibilità di allenarsi ad alto livello, la squadra che milita in serie C ha conquistato una non facile salvezza, l’under 18 è ancora impegnata nelle fasi nazionali del campionato, dopo aver vinto il girone interregionale con 20 vittorie su 20 partite giocate. La nostra giovanissima under 16, i cui componenti sono in gran parte al primo anno, ha affrontato il competitivo campionato elite, mentre l’under 14 ha giocato in diversi tornei per 23 settimane complessive, numeri da squadra seniores. Non vanno dimenticati poi i debutti in serie A dei nostri due giocatori, appena diciottenni, Di Febo e Pompeo”.

Scampoli di fine stagione e qualche giorno di riposo per tutti dunque, prima di ricominciare con la voglia e l’entusiasmo di sempre.


30apr/17

La Gran Sasso espugna Roma e chiude in bellezza il campionato 2016/2017

Scritto da Ufficio Stampa In

“Abbiamo dimostrato che il vero valore di una squadra di rugby è il saper essere uniti fino alla fine”. È tutto nelle parole di Daniele Giampietri l’incontro di oggi tra Gran Sasso e Capitolina, con una vittoria arrivata nei minuti finali grazie ad una meta proprio dello storico capitano.

Primo tempo difficilissimo per gli uomini di Iannucci, Vaggi e Ciancarella, che subiscono la pressione della Capitolina, obbligata a conquistare il bonus offensivo per continuare a sperare di restare nella serie cadetta. I romani passano dopo pochi minuti con una meta da maul, i grigiorossi provano a riportarsi nei 22 avversari, ma troppi errori gli negano la segnatura. Complici tre cartellini gialli combinati a Lofrese, Vaggi e Guerriero la Gran Sasso si trova a giocare tutto il primo tempo in inferiorità numerica, difendendo per 40 minuti, alla fine dei quali i romani riescono a passare una seconda volta, soltanto per una meta tecnica concessa in seguito al crollo di una mischia chiusa.
Nel secondo tempo ci si aspetta una Capitolina arrembante, ma la Gran Sasso riesce a respingere colpo sul colpo, avanzando anche sui punti d’incontro difensivi. Al 51’ è Lofrese ad aprire le marcature grigiorosse guidando una buona maul, non si arrendono i capitolini che continuano a premere, fino alla meta di Caione che al 73’ buca la difesa romana e mette un punto fermo sull’incontro e sul campionato. C’è tempo ancora però per la segnatura di capitan Giampietri, alla fine di una buona azione a largo dei grigiorossi, che sancisce il 14-17 finale e mette la parola fine all’incontro, regalando alla Gran Sasso il secondo posto nella poule 3. A gioire con gli atleti in mezzo al campo c’è la presidente Loredana Micheli: “È la vittoria di un gruppo di ragazzi che ci ha creduto fino alla fine, lottando sempre con determinazione ed umiltà, dopo un anno difficile per tante ragioni”.

Coach Iannucci, alla fine della sua prima stagione in serie A da capo allenatore è contento e sollevato e trova parole di elogio per i suoi e per gli avversari: “Dispiace per loro e per il loro allenatore Orsini, a cui porto stima e rispetto per il momento difficile che attraversa, d’altro canto sono davvero contento per la vittoria di oggi, che sancisce il lavoro di un grande gruppo di persone”.

Da ringraziare infine i tanti rumorosi appassionati tifosi giunti a sostenere i grigiorossi a Roma.


Partner Commerciali


Classifica



Settori Giovanili


In primo piano


I nostri amici



Photogallery

img_8541 img_8537 img_8533 img_8527 img_8508 img_8504 img_8490 img_8486

Videogallery